Pagina:Storia di Milano I.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo primo 25

tica grandezza ne rimangono ancora alcune vestigia nella cospicua dignità della sede vescovile di Milano1, giacchè le giurisdizioni ecclesiastiche si modellarono sulla forma del governo civile de’ primi tempi, e i metropolitani furono i vescovi delle città capitali, ed ebbero per suffraganei i vescovi delle città che nel governo politico da quelle dipendevano2. Il che posto, conosciamo quanto cospicua città sia stata Milano nel quarto e nel quinto secolo, osservando che il di lei vescovo metropolitano aveva i vescovi di ventuna città da lui dipendenti, e furono Vercelli, Brescia, Novara, Bergamo, Lodi, Cremona, Tortona, Ventimiglia, Asti, Savona, Torino, Albenga, Aosta, Pavia, Acqui, Piacenza, Genova, Como, Coira, Ivrea ed Alba, e questi erano suoi suffraganei anche nei secoli posteriori. I confini delle diocesi, le preminenze delle sedi vescovili, sono per lo più un indizio sicuro degli antichi confini delle pertinenze d’ogni città e dell’antico stato di ciascheduna; perchè le cose sacre, anco presso le nazioni barbare e feroci, vennero rispettate e lasciate, per lo più, intatte frammezzo alle rivoluzioni civili.

La dignità del vescovo di Milano, che giustamente può in questi tempi de’ quali tratto, chiamarsi metropolitano bensì, ma non già arcivescovo, titolo posteriormente introdotto, e che significa onorificenza più che giurisdizione; la dignità, dico, del metropolitano ricevette sommo risalto da sant’Ambrogio, uomo per la dottrina, per la pietà, per la fermezza e per ogni sorta di virtù

  1. Muratori. Anecdota, t.I, p 223, impress. Mediol. 1697.
  2. Bingam. Orig. Eccles. lib. IX, cap. 1 5 e 6. — Dupin. De antiq. Eccles. disciplin. diss. I, 6. — Giannone. Storia del regno di Napoli, lib. II, cap. 8.