Pagina:Storia di Milano I.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo primo 27

mandando che qualunque ordine severo gli accadesse in avvenire di proferire, i ministri dovessero per trenta giorni sospenderne la esecuzione. Io non loderò questa legge. L’uomo destinato a comandare agli uomini suoi fratelli, non deve loro manifestare il timore ch’egli ha d’essere ingiusto e violento. Questo è un colpo alla opinione, su di cui si appoggia il governo; s’ei non era padrone di sè stesso, da uomo virtuoso doveva giudicarsi incapace di reggere gli altri e dimettere la porpora. Dirò bensì che ogni volta che i ministri della religione hanno alzata la loro voce coraggiosa contro i pubblici delitti, l’umanità intera ha tributato ad essi l’ammirazione; e forse questo fatto solo sarebbe stato bastante ad ottenerla al santo vescovo. L’ebbe in fatti a tal segno che da lui prese la chiesa milanese il nome, il rito e la dignità.

La liturgia ambrosiana, che anche oggidì si conserva, sebbene abbia sofferte molte variazioni co’ secoli, essa però si è preservata attraverso i replicati sforzi che si tentarono per abolirla. Io non deciderò quale sia la migliore costituzion ecclesiastica, se la repubblicana, ovvero la monarchica; nè mi propongo di trattare di cose sacre. So che col cambiare dei secoli le circostanze si cambiano; che una forma di civile governo, ottima in una combinazione di cose, può diventare pessima cambiandosi quella; che la Chiesa, essendo una società combinata per il bene spirituale degli uomini, prudentemente cambierà la costituzione propria, qualora per quello ottenere i civili cambiamenti lo consiglino; e così, senza ch’io intenda di preferire l’antico sistema all’attuale, unicamente come storico osserverò che l’autorità del metropolitano era assai vasta e quasi indipendente da Roma