Pagina:Sulle strade ferrate nello Stato pontificio.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8

E questo nostro argomento è si vero, che avendo la Società Nazionale divísato di tutte eseguire le strade approvate, e ben conoscendo che le inclinazioni dei sudditi Pontificj erano intese più alla particolare carità del luogo natío che a quella generale di tutto lo Stato, e che quindi tutti si sarebbero mostrati ritrosi a prendere azioni nella totalità delle linee, acconsentì che le obbligazioni di ognuno volgessero ad una linea piuttosto che ad altra; fatto diametralmente opposto a quella fusione d’interessi, che più tardi volle raccomandata alla dotta penna del Sig.r Petitti, ed alla sua mediazione. Quindi ove questa fusione avvenisse, mentre avrebbe luogo una quarta o quinta metamorfosi della Società sudetta, poichè le converrebbe (come giustamente osserva il Sig.r Petitti) licenziare tutti gli attuali sottoscrittori di azioni; si vedrebbe manifestamente e col fatto quanti frà essi cangerebber d’idea.

Egli è vero; grandissima utilità verrebbe allo Stato Pontificio se tutte le linee, che la Sovrana saggezza ha autorizzate, fossero insiememente attuate. E diremo di piú essere inconveniente, specialmente a Roma, se la sola linea da Bologna ad Ancona si attuasse; essendochè non è dell’interesse dei governati e dei governanti, che talune provincie abbiano comunicazione ferrata fra loro e coll’estero prima di averla colla Capitale. Ma poichè reputiamo l’esser male peggiore che niuna strada si faccia; ed opera crudele, insidiosa, ingiusta il privare una provincia di quel bene che può avere, solo perchè altre provincie nol possono avere del pari; quando fosse pur vero che le altre strade nè ora nè poi potessero farsi per essere, come si pretende, di utilità nessuna, anzi di perdita agl’imprenditori, nè potervi provvedere il pubblico erario; noi saremmo inclinati a sopportare quel male che torna in vantaggio de’ nostri fratelli, ed attendere che le circostanze e l’incremento del commercio e della ricchezza incoraggino a completare le altre, o che le cangiate condizioni