Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204

utile per accettare l’offerta. L’Olivi restò irremovibile e mi saldò con la solita osservazione.

— Lei vuole forse diminuire le facoltà attribuitemi dal defunto suo padre?

Risentito, ritornai per il momento al mio mastro, ben deciso di non ingerirmi più di affari. Ma il sapore dell’uva sultanina mi restò in bocca ed ogni giorno al Tergesteo m’informavo del suo prezzo. Di altro non m’importava. Salì lento, lento come se avesse avuto bisogno di raccogliersi per prendere lo slancio. Poi in un giorno solo fu un balzo formidabile in alto. Il raccolto era stato miserabile e lo si sapeva appena ora. Strana cosa l’ispirazione! Essa non aveva previsto il raccolto scarso ma solo l’aumento di prezzo.

Le parti si vendicarono. Intanto io non sapevo restare al mio mastro e perdetti ogni rispetto per i miei insegnanti, tanto più che ora l’Olivi non pareva tanto sicuro di aver fatto bene. Io risi e derisi; fu la mia occupazione principale.

Arrivò una seconda offerta dal prezzo quasi raddoppiato. L’Olivi, per rabbonirmi, mi domandò consiglio ed io, trionfante, dissi che non avrei mangiata l’uva a quel prezzo. L’Olivi, offeso, mormorò:

— Io m’attengo al sistema che seguii per tutta la mia vita.

E andò in cerca del compratore. Ne trovò uno per un quantitativo molto ridotto e, sempre con le migliori intenzioni, ritornò da me e mi domandò esitante:

— La copro, questa piccola vendita?

Risposi, sempre cattivo:

— Io l’avrei coperta prima di farla.

Finì che l’Olivi perdette la forza della propria con-