Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254

— Ma che cosa vuoi dire? Che cosa dovevo io prevedere?

Confusa essa mormorò:

— L'arrivo del padre di Guido per le nozze di Ada...

Finalmente compresi: essa credeva chi’io soffrissi per l’imminenza del matrimonio di Ada. A me parve ch’essa veramente mi facesse torto: io non ero colpevole di un simile delitto. Mi sentii puro e innocente come un neonato e subito liberato da ogni oppressione. Saltai dal letto:

— Tu credi ch’io soffra per il matrimonio di Ada? Sei pazza! Dacchè sono sposato io non ho più pensato a lei. Non ricordavo neppure ch’era arrivato quest’oggi il signor Cada!

La baciai e abbracciai con pieno desiderio e il mio accento fu improntato a tale sincerità ch’essa si vergognò del suo sospetto.

Anche lei ebbe la ingenua faccia sgombera da ogni nube e andammo presto a cena ambedue affamati. A quello stesso tavolo dove avevamo sofferto tanto, poche ore prima, sedevamo ora come due buoni compagni in vacanza.

Ella mi ricordò che le avevo promesso di dirle la ragione del mio malessere. Io finsi una malattia, quella malattia che doveva darmi la facoltà di fare senza colpa tutto quello che mi piaceva. Le raccontai che già in compagnia dei due vecchi signori, alla mattina, m’ero sentito scoraggiato profondamente. Poi ero andato a prendere gli occhiali che l’oculista m’aveva prescritti. Forse quel segno di vecchiezza m’aveva avvilito maggiormente. E avevo camminato per le vie della città