Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260

no; erano violenti fino a scuotere, pervadendolo, il suo debole organismo. Mi sembrava di subire immediatamente un brusco assalto alla mia tasca e alla mia vita. Le domandai:

— Ma credi tu che mia moglie a questo mondo non faccia nulla? Adesso che noi due parliamo, essa ha i polmoni inquinati dalla canfora e dalla naftalina.

Carla singhiozzò:

— Le cose, le masserizie, i vestiti... beata lei!

Pensai irritato ch’essa volesse che io corressi a comperarle tutte quelle cose, solo per procurarle l’occupazione che prediligeva. Non dimostrai dell'ira, grazie al cielo e obbedii alla voce del dovere che gridava: «accarezza la fanciulla che si abbandonò a te!» L’accarezzai. Passai la mia mano leggermente sui suoi capelli. Ne risultò che i suoi singhiozzi si calmarono e le sue lagrime fluirono abbondanti e non trattenute come la pioggia che segue ad un temporale.

— Tu sei il mio primo amante — disse essa ancora — ed io spero che continuerai ad amarmi!

Quella sua comunicazione, ch’ero il suo primo amante, designazione che preparava il posto ad un secondo, non mi commosse molto. Era una dichiarazione che arrivava in ritardo perchè da una buona mezz’ora l’argomento era stato abbandonato. Eppoi era una nuova minaccia. Una donna crede di avere tutti i diritti verso il suo primo amante. Dolcemente le mormorai all’orecchio.

— Anche tu sei la mia prima amante... dacchè mi sono sposato.

La dolcezza della voce mascherava il tentativo di pareggiare le due partite.