Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/304

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

301

Ben presto la mia giornata subì delle complicazioni. Alla mattina portavo da Carla oltre che amore anche un’amara gelosia, che diveniva molto meno amara nel corso della giornata. Mi pareva impossibile che quel giovinetto non approfittasse della buona, facile preda. Carla pareva stupita ch’io potessi pensare una cosa simile, ma io lo ero altrettanto al vederla stupita. Non ricordava più come le cose si erano svolte fra me e lei?

Un giorno arrivai a lei furibondo di gelosia ed essa spaventata si dichiarò subito pronta di congedare il maestro. Io non credo che il suo spavento fosse prodotto solo dalla paura di vedersi privata del mio appoggio, perchè in quell’epoca io ebbi da lei delle manifestazioni di affetto di cui non posso dubitare e che alle volte mi resero beato, mentre, quando mi trovavo in altro stato d’animo, mi seccarono sembrandomi atti ostili ad Augusta ai quali, e per quanto mi costasse, ero obbligato d’associarmi. La sua proposta m’imbarazzò. Che mi trovassi nel momento dell’amore o del pentimento, io non volevo accettare un suo sacrificio. Doveva pur esserci qualche comunicazione fra’ miei due stati d’essere ed io non volevo diminuire la mia già scarsa libertà di passare dall’uno all’altro. Perciò non sapevo accettare una tale proposta che invece mi rese più cauto così che anche quando ero esasperato dalla gelosia, seppi celarla. Il mio amore si fece più iroso e finì che quando la desideravo e anche quando non la desideravo affatto, Carla mi sembrò un essere inferiore. Mi tradiva o di lei non m’importava nulla. Quando non l’odiavo non ricordavo che ci fosse. Io appartenevo all’ambiente di salute e di onestà in cui regnava Augusta a cui ritornavo