Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
338


— Quegli uffici triestini che puzzano di baccalà o di pellami! — Egli assicurava che avrebbe saputo organizzare la sorveglianza anche da lontano, ma intanto esitava. Un bel giorno il venditore dei mobili gl’intimò di ritirarli perchè altrimenti li avrebbe gettati sulla strada e allora lui corse a stabilire un ufficio, l’ultimo che gli era stato offerto, privo di un magazzino nelle vicinanze, ma proprio al centro della città. E’ perciò che il magazzino non lo ebbimo mai più.

L’ufficio si componeva di due vaste stanze bene illuminate e di uno stanzino privo di finestre. Sulla porta di questo stanzino inabitabile fu appiccicato un bollettino con l’iscrizione in lettere lapidarie: Contabilità; poi, delle altre due porte l’una ebbe il bollettino: Cassa e l’altra fu addobbata dalla designazione tanto inglese di Privato. Anche Guido aveva studiato il commercio in Inghilterra e ne aveva riportate delle nozioni utili. La Cassa fu, come di dovere, fornita di una magnifica cassa di ferro e del cancello tradizionale. La nostra stanza Privata divenne una camera di lusso splendidamente tappezzata in un colore bruno vellutato e fornita delle due scrivanie, di un sofà e di varie comodissime poltrone.

Poi venne l’acquisto dei libri e dei varii utensili. Qui la mia parte di direttore fu indiscussa. Io ordinavo e le cose arrivavano. Invero avrei preferito di non essere seguito tanto prontamente, ma era mio dovere di dire tutte le cose che occorrevano in un ufficio. Allora credetti di scoprire la grande differenza che c’era fra me e Guido. Quanto sapevo io, mi serviva per parlare e a lui per agire. Quand’egli arrivava a sapere quello che sapevo io e non più, lui comperava. E’ vero che talvolta in commercio fu ben deciso a non far nulla, cioè a non