Pagina:Talbot - Metodo per eseguire sulla carta il fotogenico disegno, Milano, 1839.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21

sia capace di rimpiazzarlo, può risovvenirgli quale era la situazione, onde potere in breve ora delineare delle località molto interessanti.

Nulla poi trascurando dalla simultanea disposizione nelle differenti disposizioni di alcune di queste piccole camere, egli è evidente che il colletivo risultato riveduto dopo, può somministrare un gran corpo di interessanti memorie, e con numerosi dettagli, che non aveva il tempo di scrivere, o delineare.

10. Delineazione delle sculture. — Un altro uso che propongo di fare di mia invenzione è la copia delle statue, e de’ bassi rilievi. Io li pongo ad un forte lume del sole, e colloco avanti di loro ad una conveniente distanza, e nella voluta posizione una piccola camera oscura contenente la carta preparata. Con tal modo ho ottenute le immagini di varie statue, ecc. Non ho proseguito questo soggetto in molta estensione, ma attendo degli interessanti risultati da esso, e che si possa utilmente impiegare in molte circostanze.

11. Copia delle incisioni. — L’invenzione può essere adoperata con grande facilità per ottenere le copie dei disegni, e delle incisioni, o far simili manoscritti. A questo proposito l’incisione è calcata sopra la carta preparata colle sue incise parti in contatto colla medesima. La pressione bisogna che sia uniforme per quanto è possibile, acciò il contatto sia perfetto, poichè il minimo intervallo danneggia sensibilmente il risultato col produrre un genere di offuscamento in luogo della forma compressa dell’originale.

Allorchè si pone al sole, la luce gradatamente at-