Pagina:Tarchetti - Paolina, 1875.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 la fava bianca e la fava nera


— Superba! esclamò sua moglie.

— È una torta veramente principesca! tornò a dire il signor Paoli. Ti piace Faustina?

— Assai bella. È da mangiarsi? chiese la fanciulla. Anche questi bei fiori di zucchero?

— Senza dubbio; sarebbe una pazzia non mangiarla. Non è cosa che si possa conservare.

— Peccato! disse sua moglie. Però....

— Ma che te ne pare di questo signor Bartolami? l’interruppe suo marito. Permettersi una spesa di questo genere! io ne sono addirittura sbalordito.

— Gliel’avranno regalata....

— Ah!... non credo. Non è possibile. Egli non ha conoscenza di persone che possano fare di questi regali. È una spesa che ha fatto di sua saccoccia. E può essergli costata anche un centinaio di franchi....

— Che dici? Di più.

— Eh!... sì, anche di più. Ma quale spensieratezza! Un impiegato a tremila, con cinque figli.... Basta, aggiunse il signor Paoli, con aria di magnanimità, non si guarda in bocca a cavallo donato, cioè..., voglio dire che non siamo noi che dobbiamo fare i conti sulla sua borsa. Egli può anche rovinarsi, se gli piace. Lascia stare, Faustina; come sei ghiotta! prendi quel pezzo che si è distaccato.

— Quando la mangeremo papà? a tavola?

— Mai più! Che diamine! non mancano che due giorni all’Epifania. Ce l’ha mandata apposta. Faremo una piccola festa. Inviteremo i nostri amici, balleremo. Sei contenta?