Pagina:Tarchetti - Racconti fantastici, 1869.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 148 —

fiotto lava la pietra, una serie di goccie la trapassa.


Allora si ha incominciato realmente a soffrire, quando si ha imparato a tacere il proprio dolore.



LA VITA


Secondo l’ordine naturale delle cose nessuno muore ad un tratto, ma la natura (ove non le sia fatta violenza) ci distacca essa medesima dalla vita come un frutto maturo; ed è sì valente in questa bisogna che spesso ce ne infastidisce per modo da farci anelare alla morte come ad una dolcezza o ad una grazia. In ciò ella raggiunge due scopi: apparecchia noi a morire, e colle noie e colla pietà che inspiriamo altrui in quello stato, dispone gli altri a sopravviverci senza dolore.


Quella misteriosa espiazione che tutti sentono di subire nella vita, diventa sempre più attiva e più travagliosa, quanto più la vita stessa si avvicina al suo termine — o