Pagina:Targioni Tozzetti - Sopra alcune qualità della seta.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4


Dopo varie proposte ed indicazioni, per molto tempo senza pratico effetto però, venute su da più parti, e per le quali si distinsero particolarmente i sigg. Blanchard1 e Guerin Meneville, (l’ultimo essendo poi rimasto a capo di quasi tutte le imprese concernenti animali da seta sì antichi che nuovi), annunziato già da Jones nel 1791, da Roxburg nel 1804, trasmesso da Calcutta a Maurizio per opera di T. Hugon nel 1843, venne finalmente nel 1854 in Europa un baco delle Indie, che dalla pianta delle cui foglie si alimenta prese nome di baco del Ricino (Attacus Ricini Boisd.), dopo avere avuto da M. Edwards l’altro di Bombyx Arrindya, corrispondente al nome locale di Arrindii col quale si chiama.

I nuovi e fortunati importatori della specie furono però i sigg. Baruffi e Bergonzi di Torino, coll’intermezzo del sig. Reid governatore di Malta; i primi e più felici allevamenti ebber luogo in Toscana per opera del Prof. Paolo Savi. Da questi avute le crisalidi, le farfalle e le uova, i bachi si diffusero in Italia, in Francia, quindi in Algeri, e poi al Brasile.

La somiglianza del bozzolo, e delle farfalle di questa specie con altra propria delle Indie anch’essa, ma più che mai della China, avevan fatto confondere le due in una sola da Roxburg, e poi dagli altri, finchè anco l’animale della China si ebbe col nome di baco dell’Ailanto (Attacus Cynthia). — Denunziato questo dal missionario P. Incarville a metà del secolo scorso (1740) fu anch’esso importato da degli Italiani per ultimo (1856), e ne ebbero merito il P. Fantoni prima di tutti, ed i sigg. Griseri e Combe di Torino.

Intanto però altri bozzoli, ed altre sete erano venute a farsi o conoscer di nuovo, o riconoscere agli uomini, che da una parte agli incrementi delle scienze, dall’altra attendevano o attendono, a render queste quanto più si può servizievoli pei materiali interessi.

  1. Le specie proposte sono invero molto numerose; quelle delle quali parlava particolarmente Blanchard erano le seguenti:
    Attacus mylitta Indie orientali.
    Attacus Atlas China
    Attacus Luna America settentrionale
    Attacus Cercopia id.
    Attacus Poliphaemus id.
    Bombyx Lacoon.