Pagina:Targioni Tozzetti - Sopra alcune qualità della seta.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

7


Lotteri, italiano stabilito a Calcutta richiamava l’attenzione del Governo del Re sul prodotto della Antherea assama, o del baco o della seta Moogha detta di sopra, baco che allevato nelle sue native regioni, (se allevare si chiama lasciare in pien’aria gli animali sulla loro pianta, cacciando d’intorno le formiche e i corvi che gli divorano), dà fino per cinque volle all’anno, ma per due almeno, abbondante quantità di una seta color lionato, resistente, assai lucida anco filata coi metodi disadatti degli indigeni stessi.

Altro però è il contare questi prodotti e questi produttori, e vedere gli uni curati, e gli altri impiegati secondo gli usi locali, in lontane regioni di civiltà diverse, e di voglie più modeste e men capricciose delle nostre, ed altro il darsi a loro nella speranza di trovare con le sete dell'uno o dell’altro un compenso alla seta comune, e quelle ragioni di tornaconto bastanti a fondare, con solida istituzione un’impresa industriale.

Quando anco tutte o l’una o l’altra di queste sete valessero a tener forte per le qualità loro contro la seta del baco comune, o quando potessero a lato di questa prender posto fra i materiali testili da adoperare, rimarrebbe sempre da decidere se il tornaconto maggiore non fosse per avventura nel procurarsi le sete nuove per via di commercio, traendole di là dove le condizioni naturali si prestano alla più facile ed economica produzione di loro, o nel volerle a forza, e con qualunque spesa prodotte da noi.

Ma prima di tutto era mestieri di conoscere le qualità di queste sete, e poi di trattare del rimanente.

Ora i bozzoli del baco del Ricino, come quelli del baco dell'Ailanto, indipendentemente dallo essere più poveri in seta rispetto ai bozzoli del baco del gelso nel rapporto delle cifre

Bozzolo del baco del Gelso 2,90
Bozzolo del baco dell’Ailanto 2,55
Bozzolo del baco del Ricino 1,75

(Guerin Meneville) sono per di più aperti a un estremo, sicchè l’acqua della bacinella delle filande ordinarie, penetrando dentro essi, gli affonda, e si oppone alla filatura.

L’industria si era adattata a cardare questi bozzoli con