Pagina:Tartufari - Il miracolo, Roma, Romagna, 1909.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


l'attendeva per fare il giuoco del piroscafo? Questo bel giuoco era una invenzione di Serena, la quale, appena arrivata, diceva a Ermanno invariabilmente:

— Andiamo a giuocare il giuoco del piroscafo.

Allora i due bambini si precipitavano al pianterreno, dove, in una grande stanza disabitata, c'era una cassa vuota lunga e stretta. Vi entravano in festa e Serena, richiamando i ricordi confusi della traversata da lei fatta due anni prima dall'America in Italia, cominciava a barcollare, per simular il rullio del bastimento. Ermanno l'imitava e i due bambini si urtavano, si tenevano per le mani, si facevano prendere dal mal di mare, imploravano l'aiuto del dottore e dell'equipaggio, finchè arrivava la tempesta. Allora essi pestavano i piedi, si disperavano, simulavano con le voci l'urlo del mare in burrasca, mandavano grida scomposte, si pigliavano per i capelli, e Serena si precipitava fuori della cassa, annaspando con le mani e coi piedi sul pavimento per fare le viste di nuotare.

— Mi affogo, mi affogo - ripeteva con terrore la piccolina, ed Ermanno si slanciava fuori del piroscafo e ghermiva Serena per le vesti, spingendola di nuovo dentro la cassa.

— Io ti ho salvata la vita - egli doveva dirle; Serena gli rispondeva: - Grazie - e ricominciavano da capo.

— Io voglio fare il giuoco del piroscafo con