Pagina:Tartufari - Roveto ardente, Roma, Roux, 1905.djvu/384

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


mani, intirizzite, si apersero, ed ella precipita nella gonfia onda del fiume.

Un grido supremo di angoscia, un tonfo, un rumore affrettato di spruzzi e Flora toccò il fondo melmoso. Le mani cercarono, spasmodiche, qual cosa cui afferrarsi: ma tra le dita l'acqua cor reva instabile. Tornò a galla per due volte e, per due volte, vide balenare il denso folgorio delle innumeri stelle.

Una invocazione disperata di soccorso le morì nella strozza, poi l'onda si chiuse e travolse la misera spoglia nella sua corsa fatale verso la foce- Requiescat in pace