Pagina:Tempesta.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Atto primo, Scena seconda 39

A parte.
                    Entrambi sono presi
da uno stesso potere, ma bisogna
questi rapidi eventi ritardare
perchè una troppo facile vittoria
non renda il premio troppo lieve.
A Ferdinando.
                                                               Ancora
una parola: ascoltami, t’impongo
di seguirmi. Tu, certo usurpi un nome
che non è il tuo: come una spia venisti
in quest’isola e tenti d’usurparla
a me che sono il tuo sovrano.

                            Ferdinando.
                                                               No!
come è vero ch’io sono un uomo!

                            Miranda.
                                                           Nulla
di male può abitare un simil tempio.
Se dimora sì bella avrà cattivo
spirito, i buoni spirti cercheranno
di abitarla con lui.

                             Prospero.
                                    Seguimi!
A Miranda.
                                                 Smetti
di chieder grazia! È un traditore.