Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

20

già move, e t’accresce, col timore che ti desta di perderla, il piacere che provi nell’ammirarla. Ebe divina, se pur mortale tu fossi, ah! non avresti duopo d’un sì gentile artificio.