Pagina:The Oxford book of Italian verse.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DANTE ALIGHIERI
47 ii

DI donne io vidi una gentile schiera
   Quest’Ognissanti piossimo passato,
     Ed una ne venia quasi primiera,
     4Seco menando Amor dal destro lato.
Dagli occhi suoi gettava una lumiera,
     La qual pareva un spirito infiammato:
     E l’ebbi tanto ardir, che in la sua ceia
     8Guardando, vidi un angiol figurato:
A chi era degno poi dava salute
     Con gli occhi suoi quella benigna e plana,
     11Empiendo il core a ciascun di virtute.
Credo che in ciel nascesse esta soprana,
     E venne in terra per nostra salute;
     14Dunque beata chi l’e prossimana.


48 iii

O DOLCI rime che parlando andate
   Delia Donna gentil che l’altre onora,
     A voi verrà, se non e giunto ancora,
     4Un che direte: ’Questi e nostro frate.’
Io vi scongiuro che non lo ascoltiate
     Per quel signor che le donne innamora;
     Che nella sua sentenza non dimora
     8Cosa che amica sia di veritate.
E se voi foste per le sue parole
     Mosse a venir inver la donna vostra,
     11Non vi arrestate, ma venite a lei:
Dite: ‘ Madonna, la venuta nostra
     E per raccomandare un che si duole
     14Dicendo: “ Ov’e il desio degli occhi miei? ” ’