Pagina:The Oxford book of Italian verse.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

FRANCESCO PETRARCA

     E ’l volto, che lei segue ov’ella il mena,
     10Si turba e rasserena,
     Et in un esser picciol tempo dura;
     Onde a la vista uom di tal vita esperto
     Diria: ‘ Questi arde, e di suo stato è incerto.’
Per alti monti e per selve aspre trovo
     15Qualche riposo; ogni abitato loco
     È nemico mortal degli occhi miei.
     A ciascun passo nasce un pensier novo
     De la mia donna, che sovente in gioco
     Gira ’l tormento ch’io porto per lei.
     20Et a pena vorrei
     Cangiar questo mio viver dolce amaro,
     Ch’i’ dico: ‘ Forse ancor ti serva Amore
     Ad un tempo migliore;
     Forse a te stesso vile, altrui se’ caro ’.
     25Et in questa trapasso sospirando:
     ‘ Or potrebbe esser vero? or come? or quando? ’
Ove porge ombra un pino alto od un colle,
     Talor m’arresto, e pur nel primo sasso
     Disegno co’ la mente il suo bel viso.
     30Poi ch’a me torno, trovo il petto molle
     De la pietate; et allor dico: ‘ ahi lasso,
     Dove se’ giunto, et onde se’ diviso! ’
     Ma, mentre tener fiso
     Posso al primo pensier la mente vaga
     35E mirar lei et obblïar me stesso,
     Sento Amor sì da presso
     Che del suo proprio error l’alma s’appaga.
     In tante parti e sì bella la veggio,
     Che, se l’error durasse, altro non cheggio.
40I l’ho più volte (or chi fia che me ’l creda?)
     Nell’acqua chiara e sopra l’erba verde

118