Pagina:The Oxford book of Italian verse.djvu/569

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

INDEX OF FIRST LINES


    No. 
  Cessa, bronzo lugubre, il tristo metro  259 
  Che a Spagna orgoglio e, colla man possente  220 
  Che bella vita ha al mondo un villanello  141 
  Che debb'io far? che mi consigli, Amore?  75 
  Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai  320 
  Che speri, instabil Dea, di sassi e spine  257 
  Chi è questa che ven, ch'ogn'om la mira  25 
  Chi non è innamorato  128 
  Chi non ha visto ancora il gentil viso  111 
  Chi sei tu, che non par donna mortale?  148 
  Chi tolle il canto e penne al vago augello  108 
  Chi vuol conoscer, donne, il mio signore  196 
  Chi vuol veder quantunque può Natura  69 
  Chiare, fresche e dolci acque  66 
  Chiome d'argento fine, irte ed attorte  178 
  Cigni felici, che le rive e l'acque  190 
  Cintia, la doglia mia cresce con l'ombra  231 
  Com'hai tu tant'ardir, brutta bestiaccia  184 
  Come creder debb'io che tu in ciel oda  155 
  Come nell'Ocean, se oscura e infesta  216 
  Con meraviglia e con gran divozione  185 
  Corte, senti il nocchiero  224 


  Da verde ramo in su fugace rio  200 
  Dagli atrj muscosi, dai fori cadenti  307 
  Dal ciel discese, e col mortal suo, poi  158 
  Dal pigro e grave sonno, ove sepolta  180 
  Dante Alighieri son, Minerva oscura  93 
  Datemi a piena mano e rose e gigli  109 
  De Tomeo le rade penne  38 
  Degna nutrice delle chiare genti  183 
  Deh lasciate, signor, le maggior cure  198 
  Deh! lassa mi, tapina sagurata  99 
  Deh! lasso, quanto dolorosamente  142 
  Deh peregrini, che pensosi andate  54 
  Deh! potess'io veder per viva fede  171 
  Del primo pelo appena ombrato il mento  250 
  Del sublime cantore, epico solo  276 
  Di donne io vidi una gentile schiera  47 
  Di due vaghe donzelle, oneste, accorte  271 
  Di giugno sì vi do una montagnetta  36 
  Di Libertà maestri i Galli? Insegni  284 
  Di maggio sì vi do molti cavagli  35 
  Di nostra mano fu trapunta in oro  325 

569