Pagina:The Oxford book of Italian verse.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

FOLGORE DI SAN GIMIGNANO
35 Maggio

DI maggio sì vi do molti cavagli
     E tutti quanti siano affrenatori,
     Portanti tutti, dritti corridori,
     Pettorali e testiere con sonagli,
E bandiere e coverte a molti intagli
     E zendadi di tutti li colori;
     Le targhe a modo degli armeggiatori,
     Viole, rose e fior, ch’ogni uom abbagli
E rompere e fiaccar bigordi e lance,
     E piover da finestre e da balconi
     In giù ghirlande, e in su melarance.
E pulzellette giovani e garzoni
     Baciarsi ne la bocca e ne le guance:
     D’amor e di goder vi si ragioni.


36 Giugno

DI giugno sì vi do una montagnetta
     Coverta di bellissimi arboscelli,
     Con trenta ville e dodici castelli
     Che siano intorno ad una cittadetta,
Ch’abbia nel mezzo una sua fontanetta,
     E faccia mille rami e fiumicelli,
     Ferendo per giardini e praticelli,
     E rinfrescando la minuta erbetta.
Aranci, cedri, datteri e lumíe,
     E tutte l’altre frutte savorose,
     Inpergolate sian per le vie.
E le genti vi siano tutte amorose,
     E faccianvisi tante cortesie,
     Ch’a tutto ’l mondo sieno graziose.

84