Pagina:Tignola - Sem Benelli, 1911.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giuliano.


Non sono d’accordo.... ma insomma.... E l’altra cosa qual’è?

Duca.


L’altra cosa è questa. Caro mio, sono molto impensierito, perchè non ho nessuna persona capace di correggere le bozze del mio volume: La terra promessa.

Giuliano.


Se posso esserti utile io....

Duca.


Oh Giuliano! Tu sei l’uomo.... Senti: perchè non pianteresti la libreria?

Giuliano.


Tu scherzi.

Duca.


Dico sul serio. Io non ho un segretario. Fino a ieri mi sono servito del vecchio amministratore di casa nostra; ma ora non posso più: è un patriotta, capisci, un ex garibaldino che, nel correggere le bozze, infarcisce i miei articoli socialisti con esclamazioni e frasi del ’48: Viva la patria! Faremo da noi! eccetera... Eppoi io ho bisogno di uno che mi aiuti: ho delle idee: ho bisogno di esporle bene: mi


— 55 —