Pagina:Tignola - Sem Benelli, 1911.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giuliano.


Ma, signor Gusmano.... Sarebbe tempo che metteste l’animo in pace. Ormai sapete che io debbo star qua. Inoltre io non v’ho mai dato noia.

Gusmano.


Sfido!

Giuliano.


Finiamola! Finiamola! Ho da fare.

Gusmano.


Eh! prima di fare, bisognerebbe saper fare! E voi siete inetto, incapace, timido, incerto, lento, pauroso. Avrei voluto vedervi ai.... tempi dei tempi!

Giuliano.


Non ricominciamo!

Gusmano.


Non avete attitudine alcuna a giovare al mio padrone; siete, lo ripeto, timido, incerto, permaloso, scontroso, insufficiente.... Io lo servivo con vera fede e capacità. Le idee nuove me lo hanno rapito.... Il socialismo! E così a voi è permesso guadagnar più di me, conoscere tutti i suoi segreti, far bella vita senza saperla fare, avere perfino una bella amante, senza saperla amare.


— 70 —