Pagina:Tigre Reale.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 150 —

del male con poche parole, brevi e nervose. Verso le 9 arrivò il cugino Carlo tutto sottosopra.

— Cos’è stato? domandò con premura; i tuoi domestici mi hanno spaventato.

Ella gli fece cenno di parlar piano, gli strinse la mano forte forte, e scoppiò in pianto. Gli disse fra i singhiozzi e sollevando il velo che copriva Giannino:

— Vedi, poverino!... Vedi come soffre!

A quelle parole disperate e a quelle lagrime che venivano dal fondo del cuore, anche gli occhi del povero giovane si gonfiarono. Erminia lo guardava piangendo in silenzio, e vedendolo così commosso gli disse sottovoce, ma con accento penetrante:

— Tu gli vuoi bene almeno a quel poverino!... Non te ne andare, non abbiamo che te, lui ed io!...

In quella entrò il dottore, domandò una candela e si accostò silenziosamente al bimbo; tutti parlavano piano e camminavano in punta di piedi in quella camera triste e scura. La candela fa-