Pagina:Tigre Reale.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 164 —

dea giungere il medico diveniva pallido; allorchè Rendona cominciava a parlare dei suoi ammalati si alzava, passeggiava per la camera, tornava a sedere, non diceva una parola, lo guardava con aria stralunata. Un giorno che era stato a fargli visita, egli era scappato dalla camera della moglie, adducendo un pretesto; poi l’avevo trovato sull’uscio dell’anticamera; mi domandò soltanto:

— Come sta?

— Credo al solito, gli dissi.

— Non l’hai più vista?

— No...

— Insomma, non c’è stato nulla di nuovo all’albergo?...

— Nulla.

Egli respirò con forza, e mi strinse la mano con un tremito leggiero: Grazie.

Di tratto in tratto, in mezzo alle occupazioni della giornata un pensiero dispotico gli attraversava la mente e gli dava come una scossa al cuore; la parola gli moriva sulle labbra, i suoi occhi si fissavano nel vuoto, sbarrati, qua-