Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IV, Classici italiani, 1823, IV.djvu/335

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

31 4 LIBRO medici antichi (Bibl. gr. t. 13). Essi nondimeno furono non sol professori, ma scrittori ancora di medicina; e alcuni loro trattati tuttor si conservano, ma sol manoscritti. Così di Pier Musandino troviam registrato nel catalogo de’ MSS. della Biblioteca del re di Francia: Summula de preparatione ciborum et potuum infirmorum secundum Musandinum (t. 4. p- 297, cod. 6954); clic è forse lo stesso che con altro titolo si ritrova ne’ manoscritti delle Biblioteche d’Inghilterra e d1 Irlanda: De diaetis infirmorum secundum Magistrum Petrum de Musanda (Cat. Codd. MSS. Angl. et Hib. t. 1, p. 128, cod. 2.462). Più trattati ancora troviam registrati di Mauro nel Catalogo della Biblioteca del re di Francia: Magistri Mauri tractatus de urinis (l. cit p. 298, cod. 6963, 6964)) e in que’ d’Inghilterra e d’Irlanda: Liber Phlebotomiae secundum Magistrum Mau rum (t 2 inter Codd. Colle gii Novi, cod. 1135); e inoltre: Maurus Salernitanus de urina et febribus (ib. inter Codd. Franc. Bernardi, cod. 3054)• Egidio era stato scolaro di Musandino, e prosiegue perciò dolendosi di non potergli inviare i suoi versi, che da lui sarebbono certamente graditi assai: O utinam Musandinus nunc viveret auctor! Ille meos versus digno celebraret honore , Et quod in irriguis illius creverat hortis Ipse meum sentiret olus, gustuque probaret, Ex proprio sale doctrinae traxis e saporein. Ver. 100 , ec. Ma poichè egli era morto, si volge a Mauro di lui successore, e il prega a sostenerne le veci;