Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 2, Classici italiani, 1824, XI.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


826 libro Acque. Questi è quel Luigi Cornaro nobile veneziano autore del celebre trattato Della f rita sobria, cbe in es$o prese a mostrare quanto giovi ad aver lunga vita il vivere sobriamente; e meglio ancora mostrollo col suo esempio, perciocchè visse sanissimo fino all’età di 98 anni, e si morì di vecchiezza nel 1565 (Zeno, l. c. p. 3 (6). Piacevolissima è una lettera da lui scritta a Sperone Speroni, in cui graziosamente descrive i vantaggi che avea in ogni genere dalla sua sobrietà ricevuti, e quello tra gli altri di aver potuto con grave spesa asciugar le paludi che cingevano una sua villa, di aver innalzato molte fabbriche, e di aver giovato alli Letterati, alli musici, al li architetti, al li pittori, alli scultori, e simili (Speroni, Op. t. 5, p. 329). Sullo stesso argomento conservasi nella libreria Nani, poc’ anzi accennata, un’ opera di Cristoforo Sabbadino, Proto ed ingegnier pubblico in Venezia, e morto nel 1562, e ivi ancora se ne hanno alcune riflessioni sul flusso e riflusso del mare, sui moti della luna, ec. (l. c. p. 47) (*)• (*) Tra’ più valorosi professori della scienza delle acque sulla fine di questo secolo non deesi ommettere Giannangelo Bertazzoli, benchè nulla di lui, ch'io sappia, sia stampato. Molte lettere del duca di Ferrara a quello di Mantova e di questo a quello, scritte tra il i 5»)0 e ’1 1597, che si conservano in questo ducale archivio, ci fan conoscere in quale alta stima lo avessero amendue quei’ principi, come a vicenda sel chiedesser l un l’altro, e a vicenda pur sel prestassero, ma a condizione di renderlo presto, e come venissero a contesa fra loro, quando l uno il teneva più tempo che non era stato pattuito. Ei fu probabilmente padre