Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 4, Classici italiani, 1824, XIII.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


214? *• LIBRO distico che gli viene comunemente attribuito. Sullo stesso argomento abbiamo un altro poema in due libri di Giulio Cesare Stella romano, stampato in Roma nel 1589, colla prefazione del Padre Francesco Benzi gesuita , e con molte testimonianze dei più dotti uomini di quel tempo in lode di esso. L’Austriade di Ricciardo Bartolini poeta perugino divisa in dodici libri, e stampata la prima volta nel 1515, benchè allor lodatissima , giacque nondimeno assai presto, e fu del tutto dimenticata (V. Mazzucch. Scritt. ital. t. 2, par. 1, p. Il poema di Girolamo Falletti sulla Guerra di Carlo V, da noi mentovato altre volte, e quello sulla Guerra Turchesca, e altri poemetti di Bernardino Baldini, di cui pure si è detto in altra occasione, non son parimente tali che possa loro a ragion convenire il nome di poemi epici. Lo stesso deesi dire di quello del suddetto P. Francesco Benzi, intitolato Quinque Martyres e Societate Jesu in India, stampato la prima volta in Venezia nel 1591, e poscia più altre volte. Il conte Mazzucchelli, seguendo le tracce dell’Eritreo e dell’Alegambe , ragiona a lungo di questo collo scrittore (Scritt. ital. t. 2, par. 2, p. 783), che fu natio di Acquapendente, ma non ne ha ben accertate le epoche della vita. Perciocchè egli, fidandosi dell Eritreo che il dice vissuto cinquantaduc anni, e 32 di essi nella Compagnia (di Gesù, nella quale era entrato in età di venti anni, c avvertendo di’ egli morì nel 15()4 > ne raccoglie eli’ egli nascesse nel i5.\2 , e entrasse nella Compagnia nel i5G:i. Ma due lettere del medesimo