Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VIII, parte 2, Classici italiani, 1824, XV.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO 621 volumi. Oltre quest’opera pubblicò il Baldinucci il Vocabolario del Disegno, per cui egli meritò di essere ascritto all’Accademia della Crusca, e che è opera in fatti utilissima per l’insegnarci che fa ad esprimere co’ proprii vocaboli le cose tutte dell’arte. Il Cominciamento e progresso deir Arte A intagliare in rame è libro esso pure ripieno di pregevoli cognizioni su questo argomento, che da lui prima che da niun altro fu rischiarato. Di altre minori opere da lui date alla luce, e dell’ingiusta e fiera guerra che per alcune di esse gli mosse il Cinelli, si posson veder le notizie che colla consueta sua esattezza ci dà il conte Mazzucchelli (l. cit. t 2, par. 1 ,p. 142, ec.). XXIX. Altri al tempo medesimo si diedero s*x,v a illustrar le memorie de’ celebri artisti di al-lùnul.ì^u cune particolari città , e a darci la descriziou *rl“u* delle opere che di essi ci son rimaste, Io non farò qui il catalogo di quegli scrittori de’ quali abbiamo il ragguaglio delle pitture, delle sculture e delle architetture di qualche città d’Italia, nè quelli che di qualche pittore scrissero separatamente la Vita. Ma accennerò quelli soltanto che scrisser le Vite e le Storie de’ professori di alcune di esse. Al qual lavoro furon essi singolarmente indotti dall’osservare che il Vasari, quasi unicamente sollecito della gloria de’ suoi Toscani, poco aVea s ’ritto degli stranieri. Venezia fu la prima a darne l’esempio coll’opera di Carlo Ridolfi vicentino intitolata Le Maraviglie dell’Arte, ovvero le Vite degr illustri Pitturi Veneti e dello Stato, stampata in due tomi nel 1648. Il Vedriani tra le opere che di volgo a onor di Modena sua patria, ci die