Pagina:Torino e suoi dintorni.djvu/401

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Marchisio Luigi — Via di Po, casa Provor, n, 21, p. 5.

Masso Alessandro — Farmacia Cafassi, via Conciatori

Negri Alberto — Via di Borgonuovo, n. 11, p. 2.

Olivelli Luigi — Via Rosine, n. 12, p. 1.

Patella Annibale — Via S. Agostino, n. 9, p. 1.

Peyrani Vincenzo — Via del Fieno, n. 20, scala in fondo della corte, piano primo.

Perassi Tommaso — Via della Meridiana, n. 11, p. 2.

Perotti Angelo — Via S. Tommaso, n. 1, p. 3.

Rappis Lorenzo — Via Doragrossa, n. 47, p. 3.

Savi Edoardo — Piazza della Legna, n. 7, p. 1.

Schiapparelli Emilio — Alla farmacia piazza S. Giovanni.

Timermans Giuseppe — Via della Basilica, n. 11, p. 1.

Turò Pietro — Via d’Italia, n. 10, p. 3.

Uberti Antonio — Via del soccorso, casa dell’Albergo di virtù, p. 3.

Vallo Felice — Alla farmacia Ccresole.

Velia Luigi — Via di Po, Collegio di S. Francesco di Paola.

Zanetti Giuseppe — Doragrossa, n. 10, p. 3.

Due dei suddetti medici-chirurghi sono destinati al servizio sanitario dei poveri in ciascuna parrocchia della città e dei borghi. Il recapito dei medesimi è anche presso le seguenti due farmacie della città, dove si danno pure consultazioni gratuite.

Farmacisti della Città. — Variglia Giacomo — via Bellezia. 21, casa della città. (Questa farmacia sta aperta anche la notte, e vi si ha accesso dalla gran porta del palazzo civico, essendovi di guardia un medico - chirurgo)

Marchisio Luigi — sull’angolo delle vie Soccorso e Rosine.

Regie Poste. — Le indicazioni intorno a questo ramo della pubblica amministrazione erano già stampalo quando un R. Decreto (19 novembre 1852) arrecò le seguenti modificazioni al paragrafo Artitoli di danaro, pag. 302, cioè:

Ogni ufficio di posta, eccettuati quelli di 2a classe e le distribuzioni, può ricevere somme in denaro contro rilascio di vaglia postali lino al limite di L. 600. Quosli vaglia però non devono oltrepassare la somma di L. 150, se il pagamento deve effettuarsi da un uffizio di 1a classe; di L. 300, se da una direzione provinciale; di L. 400, se da una direzione divisionaria, e possono giungore alle L. 600 per le sole direzioni divisionario di Torino e Genova. Per gli uffizii di 2a classe il limite sia pel rilascio sia pel pagamento è fissato in L. 100