Pagina:Torriani - Serate d'inverno, Madella, 1914.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 36 —


Ma Clelia era così serena, cosí felice; mi parlava sempre del nostro avvenire, ci credeva tanto, che tornai a crederci anch’io.

— Infine quel medico non l’aveva oscultata. Chi sa? Forse s’era ingannato sulla natura del male. Appena Clelia sarebbe mia, la condurrei a Napoli, a Madera, la farei vivere in una pineta, dove i polmoni delicati si riconfortano; ne avrei tanta cura, la renderei tanto felice, che non soffrirebbe più...

— Intanto il mio quadro era finito ed era tempo d’andarlo ad esporre. Dovevo separarmi per poco da Clelia. Ci scambiammo le solite promesse e raccomandazioni.

«Scrivimi, sai, mi diceva, non tenermi in pena, non darmi crucci, te ne prego. Io sono come quelle povere pianticine esotiche che si conservano belle e profumate, finchè sono tenute in un dato ambiente, con quelle date cure; ma un soffio d’aria, una goccia d’acqua più o meno, bastano a farle morire.

— Io promisi, di cuore, di gran cuore, perchè l’amavo più della mia vita, e tremavo per la sua. E partii.