Pagina:Torriani - Serate d'inverno, Madella, 1914.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 58 —


tortura; una lotta disperata tra il cuore e la coscienza. La vedo, affogo i miei rimorsi nell’ebbrezza dell’amore; e poi ad un tratto penso:

«Ecco questa donna abbandonata dai parenti e dagli amici non aveva altro affetto sulla terra che sua sorella. Ed io gliel’ho tolta; ed ella si stringe al cuore l’uomo che l’ha uccisa.»

Ed in quei momenti mi sembra d’abbracciare il cadavere gelato di Clelia; e respingo la povera donna, grido, mi sfogo in pianto; le sembro pazzo, e sono profondamente infelice.

Vittoria volle che venissi a respirare un po’ d’aria pura qui. Ella mi crede ammalato. È venuta ella pure ad Arona per essermi vicina, e vado a vederla ogni giorno.

Ma la sua schietta affezione, le sue tenerezze sono un continuo rimprovero alla mia coscienza. Sento che questo stato di cose non può durare. Bisogna ch’ella sappia tutto. Che mi perdoni, e mi renda la felicità e la pace; o mi disprezzi, mi scacci addirittura. Meglio morire disperato, che vivere così.

Gustavo era esaltato e commosso. Io stesso non trovavo parole per quell’angoscia; ero profondamente impietosito; comprendevo tutto lo strazio di un’anima delicata in quella situazione. La colpa era delle circostanze più che di lui; ma le