Pagina:Tragedie (Pellico).djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quarto. — sc. iv. 31

SCENA V.


GUIDO, FRANCESCA e detti


Francesca.1                                                             Padre!
Stringer l’arme li veggio.

Guido.2                                             Ferma. — Ah, pace,
O esacerbati spiriti fraterni!

Paolo.Più della vita mi togliesti; poco
Del mio sangue mi cal, versalo.

Francesca.                                                             Il mio
Sangue versate; io sol v’offesi.

Guido.                                                        Oh figlia!

Lanciotto.Il sacro aspetto di tuo padre, o iniqua,
Per tua ventura ti difende. Statti
Fra le sue braccia; guai s’ei t’abbandona!
Obblierò che regia fu tua culla;
Peggio di schiava tratterotti. Infame
È l’amor tuo; più d’una schiava è infame
Una moglie infedel.... Questa parola
Forsennato mi rende. Io tanto amarti,
Tanto adorarti, e tu spregiarmi?... Altero
Ho il cor; nol sai? tremendamente altero;
E oltraggi v’han, che perdonar non posso.
Onor mel vieta.... Onor? che dissi? noto
Questo nome t’è forse?

Guido.                                              Arresta.

Lanciotto.                                                        Io intendo,
Io dell’onor l’onnipossente voce;
Nè, allor ch’ei parla, più altra voce intendo,
E vibro il ferro ovunque accenni.

Francesca.                                                        Ah padre!
Ei non m’uccide; uccidimi tu, padre!

Lanciotto.Vaneggio?... Voi raccapricciate?... — Oh Guido!
Quando canute avrò le chiome anch’io,

  1. Prima d’uscire.
  2. Vuol prima trattener Francesca; quindi si frappone fra Paolo e Lanciotto.