Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PROMETEO LEGATO 257

coro
Non a gente incresciosa
la tua parola, Prometèo, si volge.
Sí che ora dal cocchio veloce
e da l’ètere limpido, tramite
degli augelli, con l’agile piede
scenderò su la terra: ché bramo
per intero ascoltar le tue pene.

Il cocchio delle Oceanine sparisce. Su un cavallo marino alato giunge Oceano.


Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-85.png