Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
xxxviii prefazione

forma, col puro suono, all’infuori del contenuto. Ma aveva poi uno svantaggio assai maggiore. Un contrasto condotto secondo quella aderenza alla realtà che deve pure ritrovarsi a base di ogni forma d’arte, non comporta una serie di battute uguali rigorosamente l’una all’altra: ma le richiede ora uguali, ora disuguali, ora lunghe, ora brevi, ora brevissime e monosillabiche. Ma nella sticomitía, dovendo invece dare la medesima lunghezza a ciascuna botta e ciascuna risposta, i drammaturgi erano costretti a ricorrere a riempitivi che rimangono come inutile ripieno intorno alla effettiva ossatura del contrasto. Talvolta un personaggio dovrebbe rispondere solamente un monosillabo affermativo o negativo, levare solo un grido o un gemito. Ma con un grido o un gemito si occupa appena mezzo piede o un piede dei sei del trimetro giambico. Tutti gli altri il poeta deve quindi occuparli con parole superflue, con divagazioni che stemperano e snervano. E cosí avviene che il lettore moderno non iniziato, che legga una tragedia in una delle solite traduzioni, nelle quali la sticomitia è sparita, non si rende conto di tanti inciampi e di tante incongruità nella condotta del dialogo, e prova tedio, e biasima la minore accortezza del drammaturgo. Il tedio è sovente legittimo e ineliminabile. Il biasimo va temperato in questo senso, che il tragediografo era ben conscio anche lui di quegli inciampi e di quelle incongruità, e cercava anzi di appianarli e di temperarli. Modificarli radicalmente, non osava.

***

E a questo punto, credo di poter abbandonare il lettore. Ché se poi alcuno, prima di accingersi alla lettura