Pagina:Trattati del Cinquecento sulla donna, 1913 – BEIC 1949816.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 i - dialogo

ancor voglio che si convenga nel vestire, benché paia alquanto diverso.

Margarita. Ben dite.

Raffaella. Hai da saper, Margarita, che non potrebbe aver una giovine le carni cosí chiare, bianche e delicate, se non le aiutasse alquanto con l’arte, che non mostrassero alcuna volta, per qualche caso, come spesso può accadere, di esser non cosí belle. E non è buona la ragion di coloro che dicono che, purché una donna abbia le carni belle naturalmente, non importa poi lo sprezzarle e trascurarle. E per questo io concederei ch’una gentildonna usasse continuamente acque preziose ed eccellenti, ma senza corpo, o pochissimo; de le quali io ti saprei dar ricette perfettissime e rare.

Margarita. Dunque questi solimati e biacche e molte altre sorti de lisci, che si usano, non vi paiono da lodare.

Raffaella. Anzi da biasimar quanto si può. Perché che potiam veder peggio che una giovine, che si abbia incalcinato e coperto il viso di sí grossa mascara, che a pena è conosciuta per chi la sia? E tanto piú, quando ella è ignorante di tal essercizio e s’impiastra a caso, senza sapere quello che ella si faccia: come ne conosco molte in questa terra, che si consumaranno la mattina poco manco che due sciacciatelle di solimato, ponendoselo a pazzie, da far rider chi le vede.

Margarita. Madonna Giachetta, che sta nel casato, è una di quelle, ché la mattina di san Martino la vidi a la festa che cosí sgarbatamente si avea coperto il viso, ch’io vi prometto che gli occhi parevan di un’altra persona: ed il freddo gli aveva fatte livide le carni e risecco l’empiastro, tal che gli era forza, a la poveretta, stare interizita e non voltar la testa se non con tutta la persona insieme, accioché la mascara non si fendesse.

Raffaella. Guardatene, figliuola mia, da tali empiastri come dal fuoco.

Margarita. In vero di queste, cosí scempie, non è se non da farsene beffe; ma che i lisci, a chi gli sa ben usare, non sien d’importanza, non è nissuna donna che non lo dica.