Pagina:Trattato de' governi.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 trattato dei governi

e lor discendenti. E di qui nasce, che da prima le città si ressero sotto l’impero regale e ora son rette così le provincie, perchè le ragunate di tali erano composte di uomini usi a vivere sotto i re; conciossiachè ogni casa sia retta dal più antico, che l’è in cambio di re: onde ancora le colonne d’essa casa furon rette in quel modo per la parentela, che ha la casa col borgo; e questo ci esprime Omero, ove ei dice:

Signoreggi ciascun la moglie e i figli.

Perchè gli uomini anticamente abitavano sparsi. Per questa cagion medesima è creduto, che gli dei vivino a re, perchè gli uomini, che ciò stimano ancora oggi una parte e l’altra, anticamente vivevano sotto i re; onde così come essi si fingono con l’imagini divine, parimente si pigliano eglino ancora il modo del vivere similea loro.


CAPITOLO II.

che cosa sia città.


Ma la città è una compagnia perfetta di più borghi composta, la quale ha, per via di dire, l’ultimo d’ogni sufficienzia; e è stata costituita per cagione del vivere: ma infatto si mantiene per cagione di ben vivere. Laonde conseguita, che ogni città sia per natura, dappoichè per natura sono le compagnie prime, che la compongono; che invero essa città è il fine di tutte l’altre, e la natura non è altro, che fine. E ciò si prova, perchè e’ si dice ciascuna cosa aver la natura sua, quando la generazione di essa cosa ha la sua perfezione, e il suo fine; come è, verbigrazia, nell’uomo, nella casa, e nel cavallo. Oltra di