Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Civiltà ed arte nell'Agro Chiusino, ecc. 71

tela di Este, da lui descritta, per riprendere in esame tutto il lavoro del Prosdocimi sull’argomento, e, aggiungendovi i fatti nuovi, venire a conclusioni più chiare ed esaurienti.

Riunendo il II e III periodo del Prosdocimi in un solo grande periodo, il secondo propriamente detto veneto o atestino, il Ghirardini distingue tutta la civiltà atestina in tre grandi periodi principali: 1. l’italico; 2. il veneto; 3. il gallico (opera citata, pag. 378-380).

L’italico è contrassegnato dalla civiltà di Villanova e dalle necropoli bolognesi dei fondi Benacci e De Luca; non v’è scrittura, non v’è metallotecnica sviluppata — la ceramica stessa è di forme alquanto rudimentali.

Il periodo veneto, il più importante, corrisponderebbe alla civiltà italica, quale si presenta alla Certosa di Bologna; vi appare la scrittura su stele, placchette (bastoni, oggetti, una scrittura dubbia, euganea, che si riconosce appartenente all’epigrafia greco-italica (ved. tav. 1-VI); si aggiunge un’altra novità, quella delle lamine figurate, che si rannodano con l’arte greca orientale. È particolarità del II periodo il tipo del vaso cinerario; all’urna di Villanova è sostituita la situla riprodotta in terracotta e con graziosa curvatura del vaso.

Nella ceramica si ha l’imitazione dei fittili dal bronzo, con decorazioni fatte per mezzo dell’imbullettatura, o applicazione sui fittili di borchie di bronzo (ved. tav. 25) ad imitazione dei bottoni a sbalzo dei vasi enei, e per mezzo della coloritura a zone rosse e nere alternate (ved. Montelius, La civilisation primitive en Italie. Atlante, tav. 58).

Questo periodo presenta anche progressi nella metallurgia, perchè la suppellettile ornamentale è accresciuta per mezzo delle fibule e delle armille, e inoltre si vedono cinturoni e situle figurate.


VII. — La civiltà e l’arte nell’Agro Chiusino

e a Corneto-Tarquinia.


Nuove analogie con questa condizione di civiltà delle primitive popolazioni italiche ci richiamano ancora oltre Appennino, nella regione fra l’Arno e il Tevere, dove stirpi italiche, e, secondo la tradizione, propriamente le genti umbre, eransi stanziate numerose e prosperanti.

A Poggio Renzo, nell’Agro di Chiusi, furono sco-