Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Pittura. 155

anteriori alla fondazione di Roma1. Le rappresentazioni solitamente si riferiscono ai riti funebri e alla condizione delle anime dopo la morte, banchetti funebri con uomini e donne sedenti su triclini, incoronati con musiche e danze, quasi a indicare la beatitudine dell’anima dopo la morte; caccie, corse, ludi gladiatori, scene mimiche e comiche (ved. tav. 36 e 37), a propiziazione in favore dell’estinto per divinizzarlo, come il cristiano con le preghiere e con le funzioni pei defunti ha fede di contribuire alla sua beatitudine eterna (vedi Atl. cit., tav. XXXII; Achille sacrifica ai Mani dell’amico Patroclo.) Si hanno inoltre rappresentazioni di anime discendenti all’Averno, condotte da genî buoni e da genî mali; soggetti infernali tolti alla mitologia come la tomba dell’Orco a Gorneto; geni e divinità infernali fra cui Charun, col naso adunco, lunghi denti, serpi attorgigliati al corpo, carnagione verde. Si aggiungono animali e mostri fantastici, disposti sopra il fregio fra l’incorniciatura e le volte, con fascie di ornamentazione spesso assai belle. La colorazione era anche applicata alle figure scolorite sui sarcofaghi, ornati spesso di pitture a tempera sullo stucco, simulanti l’effetto del bassorilievo2. Talvolta nel mezzo delle pareti sono dipinte porte chiuse che, simboleggiano l’ingresso al mondo delle anime, non più rivarcabile, e insieme dividono in due campi la rappresentazione. Le figure staccano con le tinte chiare delle carni, coi colori vivaci delle vesti sul fondo or bruno, or rossastro delle pareti a stucco,

  1. Ved. Plinio, N. H., XXXV, 6. Egli dice che i dipinti di Ardea, città per lo meno di occupazione etrusca, siano anteriori alla fondazione di Roma.
  2. Ved. p. es., Annali Ist. Corr. Arch., 1873, pag. 239.