Pagina:Tre tribuni studiati da un alienista.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

87

stritolerà tutti voi, l’Auriga passerà trionfante schiacciandovi senza misericordia».

Lo stile mattesco, che gode delle ripetizioni, delle rime, spicca nelle frasi: «Ho lottato, lotto, lotterò fino alla fine, dovessi finire questa lotta col sacrificio». — E nell’altra: «Eccovi, provatevi la repubblica spogliatrice che vuole lemme lemme — affari — e sempre affari — milioni — milioni — e milioni».

E nei Framagnoni per Framassoni; e la Passera (un congiurato) passerà; e nel Pericoli è in pericolo,

«Sì, noi assistemmo agli insulti di una stampa mercenaria che ha il coraggio di scrivere insulti sopra insulti, menzogne sopra menzogne, infamie sopra infamie, senza pur un’ombra di verità». — E in «Lombroso pazzo curatore di pazzi, ecc.».

Spicca ancora in alcune frasi di suo conio, stereotipate, ripetute le centinaia di volte, come per esempio Giraffa, troglodite e i guenoni, applicate ai suoi nemici, che non hanno in fondo nessun significato nemmeno odioso; e nell’intitolazioni strane de’ suoi articoli; come le cannonate di Coccapieller e quei birri di Napoleone III che egli applica ad individui che non avevano avuto il più lontano rapporto con Napoleone, individui che lavorarono a pro o contro del paese quando Napoleone era non solo caduto dal trono, ma perfino sepolto e dimenticato.

Tutti questi caratteri si vedono negli scritti dei mattoidi. Se uno in un caffè guarda in cagnesco Mangione, o se un altro nel fornirgli de’ mattoni ne dimentica una dozzina, egli pone ciò in concatenazione colle persecuzioni di Varapodio.