Pagina:Tre tribuni studiati da un alienista.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

114

nità religiosa, il che si spiegherebbe in un Catone, in uno Spaventa, non in lui che intanto adula il clero ed i repubblicani avanzati per farsi nominare, il che è peggio che concedere a tempo, a loro, un fanale.

Grafomania. — Ma la forma più caratteristica è la grafomania, che in lui s’associa con la logorrea. È noto com’egli fosse il terrore dei giornali e degli amici, perchè usava affogare gli uni con valanghe di lettere ed intrattenere gli altri per intere notti della sua eterna e monotona parola; e già vedemmo in lui gli affetti di sposo e di figlio tacere innanzi a quelli del parlatore.

«Il parlare non gli costa che vento, e Sbarbaro non sente che questo bisogno; ha bisogno di parlare con dieci, con venti persone alla volta, magari, su argomenti diversi» (Dario Papa).

L’elenco de’ suoi scritti sarebbe un troppo lungo capitolo; ma, oltre l’abbondanza, qui si osservano altri caratteri speciali ai mattoidi. E prima di tutto: La minutezza degl’inutili incidenti che ci ricordano il pittore della Tavola, e che non giovano, ma fanno perdere anzi di vista l’insieme.

Ciò si nota fin nelle prime sue opere, o meglio elucubrazioni, perchè appunto per ciò nessuno de’ suoi lavori raggiunse la forma organica del libro.

Il libro Della libertà (1873) è un’introduzione di più di 500 pagine! E quest’introduzione è poi a sua volta una grande bibliografia cogli eterni elogi e biasimi a’ suoi avversari e con quelle minuzie fratesche, naturali nei letterati del secolo scorso, ma che stonano in lui. Per esempio, sostituisce (e lo fa