Pagina:Tre tribuni studiati da un alienista.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

171

più grande delle superstizioni moderne, fu, forse, la causa maggiore di questa piaga, sostituendo tante autorità onnipotenti, irresponsabili, alle responsabili che dovrebbero reggere le amministrazioni e la giustizia.

Un’altra causa ne è nell’odio contro ogni concetto di Governo, che naturalmente ci dovevano destare e lasciare nelle ossa, dei Governi o stranieri, o nemici di ogni libertà; vi si aggiunge il danno che viene da un clima caldo, in cui le passioni sono sempre più vivaci e gli uomini meno sofferenti del freno: e quello del predominio sopra tutti della casta avvocatesca che non aveva sulle altre il prestigio della storia, come la nobiliare e sacerdotale, nè quello della forza, come quella delle caste guerriere, e nemmeno propriamente della cultura, perchè svolgendo tutte le sue facoltà in un campo quasi sempre astratto, quasi sempre lontano dai fatti, non si trova a suo posto se non quando si tratta di leggi; onde, e per l’abitudine professionale e per farsi valere è costretta, sempre, a fantasticare, manipolare nuove leggi, a farne, disfarne, rifarne, o trovare in queste, quando sono al Governo, la panacea di ogni sventura, salvo ad eluderle quando i suoi membri cedono il potere e ritornino cittadini.

A molti di questi mali non si vede uno scampo; gli uomini grandi non li possiamo creare: sarebbe già bazza se potessimo facilitare loro il potere quando siano sòrti.

E questo è, forse, il solo lato utile del parlamentarismo.

4. Suffragio universale. — Quanto agli altri lati, troppo dannosi, di questo, postochè si tratta d’un male che non