Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/433

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento. 429

Begnudelli, che vi lasciò la vita; & in qualità d’Alfiere, Carlo Baldiron, il quale, fatta quella Pace, che voleva esser Guerra, uscì co’ l’Insegna. Altri Guerrieri segnalati in altri rincontri, de’ quali non hò notizia, s’intendono nominati.

[Trentini in Guerra, quali.] Furono già tempo i Trentini di Genio martiali singolarmente; hora sembrano anzi mercuriali, e lo Studio, à cui s’applicano fortemente, mostra d’haver ammolliti gli animi. Per altro nelle Guerre in ogni grado havendo dato prove di valor, e fede, lasciorono in Patria memorie d’honor, e di guiderdone, come consta di molti. E trà gli altri del prefato Cap. Girolamo Guarienti, del Colonello Pezzen; e del Capitan Baldironi, senza ridir trà più antichi il Capitan Pietra Piana, e senza replicar il General Galasso trà più moderni. Quanto alla Sacra Militia Teutonica, altra non hò notitia de’ Trentini, che militorono. Hoggi il Lond Cometer, ò Commendator Teutonico Provinciale, è il Conte Gio: Giovanni Giovanni Giacomo di Thunn, qual risiede in Bolgiano.

[Compagnia del Bersaglio à Trento, & suo essere.] Oltre le Militie si dà in Trento la Compagnia del Bersaglio. Consta di 25. Soggetti, & è antica di fondatione con ordini, & Privileggi. S’essercitano certe feste dell’anno in tirar di Schioppo rigato in lontananza di 200. e più Passi à proposta di Premio, assistendo due Cilleri, ò Segnatori, & un Tamburro. In evento di Banditi, ò Perturbatori, sono tenuti questi Bersaglianti correre à offesa, come vagliono anche à difesa de’ Passi, & nelle Caccie.

L’Uso di Bersaglio è antichissimo, constando,