Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
76 Trento

com’è in effetto.

[Organo di Trento, qual fosse già.] Fù già l’Organo di Trento così sonoro, e forte che si faceva sentir il di lui Ripieno per fin’ in Piazza di Duomo; e il Tremolo fu così terribile, che faceva tremar le viscere co’l suo rimbombo. Hora resta moderato il tutto notabilmente, in riguardo, dicono, di farlo servir’ alla musica, con essersi perciò mutato il primo Sommiero, e gli antichi Folli, come pur’ alcuni Registri anco di Voci humane. Il che se sia stato meglio, lo giudichino quei, che sanno.

[Oratorio di S. Filippo Neri in Trento.] Stà eretta in questo Tempio tra l’altre Divotioni la Confraternità dell’Oratorio di S. Filippo Neri, di cui vedesi l’Altare, con alcuni quadri dipinti della di lui vita, e posti à Oro intorno la Chiesa. Ogni domenica per lo spatio d’un’hora vi si radunano in buon numero li Confratelli tra Sacerdoti, e Laici, quali vanno promuover sempre più quel Santo soave Instituto à gloria di Dio e beneficio dell’Anime: ma per vederne i frutti maggiormente, vorria essere piantata la formal Congregatione su l’essempio hormai di tutte le Città d’Italia.

[Cosa notabile di Castel Madrutio.] Alla Porta d’ostro vedesi l’antico Stemma Madrutio co’l nome d’Azone in rossa pietra scolpito a lettere Longobardiche, e servì di sepolcro nella Chiesa sotterranea, che quì si trovò prima, si fabricasse la superiore. Indicio chiaro, che la Madrutiana Famiglia fiorisse in questa Patria fin’ al tempo de’ Longobardi; mentre all’hora pur’era in essere Castel Madrutio, qual poi distrutto fù