Pagina:Trento sue vicinanze 1836.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

49

Acoliti, che servono al maggior altare, è un San Rocco dell’Orbetto. Le tele che sono su i due altari vicini alla cappella del Crocifisso, hanno pure non piccol pregio, in ispecie quella che rappresenta la Vergine e San Biagio, che è del Romanino. Non immeritevoli d’essere osservate sono le due grandi che coprono le pareti della menzionata cappella, le quali sono lavoro del bavarese Lott. Opera stimata è il Cristo, che ivi è velato sull’altare. Molti rivolgono a Dio loro preci innanzi ad esso con grande fiducia, perchè al suo cospetto furono pubblicati i Canoni, ossia le dogmatiche decisioni del Concilio tenutosi in Santa Maria; e non pochi affermano di avere conosciuto persone, a favore delle quali si verificò il Fides tua te salvum fecit.

La Sagrestia non è ricca, ma pure trovasi a sufficienza fornita di sacri arredi e di pregevoli reliquiarj, tra i quali è un’argentea cassa in cui son ossa di San Vigilio. Per maestria di lavoro si ammirano alcuni grandi arazzi istoriati.

Intorno alla Cattedrale dobbiam notare per ultimo che le sacre funzioni vi si fanno (come pure nelle altre chiese) con molta compostezza e dignità; e che, specialmente nella Quare-