Pagina:Una sfida al Polo.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 capitolo ix.

ruggiva attraverso la foresta, torcendo perfino i grossi rami dei pini bianchi e rossi.

I lupi in lontananza ululavano sempre, senza però osare accostarsi al treno.

Ne avevano avuto abbastanza di quella cartuccia, dopo le gravi perdite subìte prima.

— Aspettiamo domani, — disse il canadese, quando ebbero terminato di cenare. — Intanto il freddo rassoderà la neve.

— Purchè i lupi non attacchino le pneumatiche, — disse Walter.

— Sono così robuste da sfidare i loro denti. Orsù, cacciamoci sotto le coperte. —

Tutta la notte il vento soffiò con estrema violenza, facendo tremare perfino le grosse vetrate delle piccole finestre, e la neve non cessò dal turbinare.

All’indomani, quando Dik aprì la porta per recarsi all’automobile, trovò uno strato nevoso alto quanto i predellini delle due vetture, ma così solido da reggere benissimo anche una piccola nave.

Un freddo intensissimo ed improvviso, aveva gelato tutto.

— Si può andare? — chiese il canadese, affacciandosi alla porta.

— Rompiamo lo strato che rinserra le ruote e poi vedrete che bella corsa faremo. Io conto di farvi pranzare sulle rive della baia di Hudson.

— Allora non perdiamo tempo. —

Mandarono giù in fretta un paio di tazze di thè ben bollente, si armarono di vanghe e di picconi ed attaccarono poderosamente lo strato gelato, per fare alla macchina un po’ di largo e prendere lo slancio.

Un’ora dopo il treno già filava magnificamente attraverso