Pagina:Una sfida al Polo.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 capitolo xii.


— Vanno a distruggere tutte le foche, le morse, le lontre, i narvali, i lupi, gli orsi bianchi e perfino i buoi muschiati che abitano le vostre terre ed i vostri mari.

— E perchè?

— Per farvi morire tutti di fame.

— Noi non abbiamo mai fatto nulla di male agli uomini bianchi.

— Dicono che voi siete dei ladri e che sterminate tutte le balene che si trovano in questi mari, mentre sono necessarie agli uomini bianchi per trarne l’olio occorrente alla illuminazione delle loro grandi case.

— E hanno mandata quella brutta bestia che brontola sempre!...

— Una bestia veramente terribile, amico, — disse Dik. — Tu l’hai veduta come corre.

— Va come le grandi raffiche.

— E quando corre a tutta forza piomba su tutti gli animali e li uccide col solo urto.

Capisci?

— Abbastanza, — rispose Karalit. — Sicchè distruggerà tutti gli animali che sono necessari all’esistenza delle nostre tribù?

— E non vi rimarrà altra risorsa che quella di tapparvi nelle vostre capanne e di lasciarvi morire di fame.

— E perchè tu, che sei nostro amico, hai accettato di guidare quella brutta bestia?

— Se mi fossi rifiutato il gran capo degli uomini bianchi mi avrebbe fatto bruciare vivo.

— Che cosa devo dunque fare per impedire che i miei sudditi ed i miei fratelli del gran nord muoiano di fame?

— Impedire ai miei padroni di andare innanzi e ricacciarli verso il gran sud. Tu hai abbastanza gente per costringerveli.