Pagina:Una sfida al Polo.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 capitolo v.

— Signor di Montcalm, — disse poi, bisogna proprio credere che esista un destino.

— Perchè dite questo, mister Hill?

— Perchè non può essere stato che il destino, quel destino che vi perseguita con un accanimento incomprensibile in tutte le vostre lotte, a guidare le vostre mani ed i vostri coltelli in modo da ferirvi reciprocamente nello stesso punto e probabilmente nelle medesime condizioni di gravità.

— Che cosa dite?

— Che vi siete accoltellati reciprocamente, senza uccidervi.

— Infame destino!...

— Non infuriatevi, signor di Montcalm, — disse il boxer.

— Non dimenticate che siete ferito e che non so dove la punta del coltello del vostro rivale sia giunta.

— Sono ancora vivo.

— Lo vedo, corpo di centomila bombe!... Diavolo!... Ci vorrebbe altro che i miei allievi morissero così presto!

— Dov’e Torpon? — chiese il canadese, coi denti stretti.

— Nella stanza vicina e non è ancora tornato in sè. —

Il signor di Montcalm si passò per la seconda volta una mano sulla fronte, senza fare smorfie questa volta, poi disse con voce un po’ rauca:

— Avesse almeno ucciso me!...

— Ah no, signor mio!... C’è sempre tempo a morire.

— Eppure bisogna finirla e romperla con questo perverso destino che ci perseguita con tanto accanimento.

— Udiamo, signor di Montcalm.... ma ditemi prima se soffrite a parlare.

— Niente affatto. Mi pare di non essere nemmeno ferito, se non mi agito.

— Possedete una fibra meravigliosa.

— Dite dunque mister Hall.