Pagina:Varchi - Sonetti.pdf/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 31 )



AL MOLTO REV. DON SILVANO RAZZI




SONETTO XXXI.


Se queste selve, e questi monti appena
     Tengon, Silvan, le lagrime, e i sospiri,
     Chi sarà che non pianga, e non sospiri?
     4Di ferro è ben chiunque oggi non pena.

Io per me prego lui con pura, e piena
     Fede, cui noti son nostri desiri;
     Che mi tolga di quì pria che più miri
     8In tanta il mio Signore angoscia, e pena.

Bench’ei più ch’altro mai, fermo, e costante,
     Come quel, che Dio teme, e da lui spera
     11Per fragil vetro aver saldo diamante,

Con gli occhi fissi al Ciel: l’Alma non pera,
     Dicea, Signor, se pere il corpo in tante
     14Doglie, e si sface più ch’a fuoco cera.