Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 142 —


— No, Lisa!... No, papà! — gridò la desolata Nina buttandosi addosso a sua sorella, e stringendola disperatamente fra le braccia, quasi per difenderla da se stessa: — Perdonatele, padre mio! Non sa quel che si dica.... Siamo tanto disgraziati! tanto! tanto!...

E accarezzava con le mani convulse la sorella, cercava coi baci quella bocca che le sfuggiva.

— Hai detto di sì? Hai detto di sì? — ripeteva intanto il barone, dibattendosi fra coloro che lo trattenevano.

Lisa si svincolò dalla sorella e rispose ferma:

— Sì papa!

— Sei pazza! Sei pazza! — gridò Nina chiudendole colle mani la bocca.

— Sposalo! Sposalo! Io non ti do nulla. Non ho nulla da darti!